Cambio di residenza su patenti e libretti di circolazione

All’atto della dichiarazione di cambio di residenza occorre dichiarare, per ogni componente della famiglia che ha compiuto 16 anni,  il possesso o meno di patente di guida e libretti di circolazione  .
Con l’art. 49, comma 5-ter, lett. h), della L. 11 settembre 2020, n. 120 di conversione del decreto-legge 16 luglio 2020, n. 76 (c.d. Decreto Semplificazioni) è stata introdotta un’importante modifica all’art. 94 del Codice della Strada con la quale, in tema di trasferimento di residenza dell’intestatario di un veicolo, l’aggiornamento della carta di circolazione (oggi Documento Unico), tramite il rilascio di un tagliando adesivo che il cittadino aveva l’obbligo di applicare sul documento di circolazione, è stato sostituito dall’obbligo di richiedere unicamente l’aggiornamento dei dati contenuti nell’Archivio Nazionale Veicoli (ANV).
Pertanto, la variazione di residenza viene ora registrata esclusivamente nell’ANV senza rilascio al cittadino di qualsivoglia attestazione.
Si richiama l’attenzione sulla circostanza che il comune non procede subito all’iscrizione della nuova residenza ma lo fa solo al termine degli accertamenti previsti per legge, che impegnano gli uffici comunali per circa 45 giorni.

Note
Nel caso in cui il cambio di residenza sia avvenuto prima della data del 30/09/1995 e il cittadino non abbia provveduto a suo tempo a tale obbligo, bisogna rivolgersi alla Prefettura.
Per il rilascio del foglio rosa o per il duplicato della patente smarrita o rubata ci si può rivolgere all’ufficio della Motorizzazione Civile.

Salva