Assegno di maternità

Hanno diritto all’assegno di maternità quelle madri residenti in Italia al momento del parto, cittadine italiane, comunitarie od extracomunitarie purché in possesso di permesso di soggiorno CE lunga durata (o in attesa di quest’ultimo, comprovando la richiesta con copia della ricevuta), straniere in possesso dello status di rifugiato politico, cittadine  non comunitarie in possesso della carta di soggiorno di familiare di cittadino dell’Unione (o italiano) di durata quinquennale, cittadine extracomunitarie in possesso di carta di soggiorno permanente per i familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro, che non siano beneficiarie di un trattamento previdenziale dell’INPS per la maternità.

 

Per usufruire di questo assegno bisogna presentare apposita domanda presso il comune, entro e non oltre il sesto mese di vita del bambino.

La domanda deve essere corredata di attestazione I.S.E. (indicatore della situazione economica) che certifica che il nucleo familiare della madre richiedente non superi un determinato tetto economico.

 

Salva